Scommetto che ti sei chiesto spesso: è possibile utilizzare le cuffie da studio per mixare ?

Per molti produttori, c’è spesso la necessità o costrizione di utilizzare le cuffie da studio per mixare i loro brani.

I motivi sono diversi: tempo a disposizione solo durante le ore notturne o l’obbligo di non disturbare i vicini di casa.

Non è ovviamente il metodo più consigliato ma, secondo il celebre mix engineer Bobby Owsinski, è possibile ottenere dei buoni lavori se si è consci dei pro e dei contro che esso comporta.

I Pro

Bobby cita infatti nel suo libro Music Producer’s Handbook:

“Credici o no, è possibile ottenere ottimi mix con qualsiasi sistema di monitoring, e questo include anche le cuffie da studio.

Il segreto è aver ascoltato abbastanza musica attraverso di esse in modo tale da poter avere dei riferimenti solidi una volta che il mix verrà poi suonato su altri dispositivi.

Ecco perché, una volta, si tendeva a portare con sé il sistema audio preferito ovunque si andasse. Un riferimento con cui si aveva familiarità era indispensabile e, nel caso di monitor nearfield, il trattamento acustico della stanza interferiva solo marginalmente durante l’ascolto critico del brano.

E i contro?

Utilizzare le cuffie da studio per mixare ha 4 significativi lati negativi però:

  1. Non puoi indossarle per molto tempo perché il loro peso stancherà i padiglioni auricolari.
  2. Avrai la tendenza ad aumentare il volume più volte per cogliere più particolari, andando così ad affaticare le orecchie e limitando l’abilità di ascolto critico per periodi prolungati.
  3. Sebbene alcune cuffie professionali presentino una risposta sulle frequenze fenomenale, avrai sempre un’immagine approssimativa della sorgente audio (sopratutto sulle basse).
  4. Molti fruitori della tua musica probabilmente non l’ascolteranno sempre con delle cuffie, ma potenzialmente anche sulle casse del PC o sullo stereo della macchina. Quindi anche tu dovrai testare il tuo mix su più dispositivi.

Quindi, secondo Owsinski, anche le cuffie hanno la loro importanza nello studio: sopratutto per cogliere quei piccoli dettagli che sui monitor potrebbero non sentirsi (come clic, pops o respiri) o nell’eventualità si debba verificare i riverberi e i panning dell’immagine stereo.

Quindi utilizzare le cuffie per mixare? YES PLEASE! Ma con moderazione. In questo articolo ti elenco le cuffie migliori attualmente sul mercato.

E tu cosa ne pensi? Lascia un commento qui sotto!