In questa guida ti spiegherò quali sono le caratteristiche delle migliori schede audio in commercio delle quali tener conto, e ti elencherò i modelli più adatti per ogni esigenza e per ogni fascia di prezzo.

A cosa servono le schede audio?

Se stai leggendo questo articolo probabilmente hai già una vaga idea di quale sia la funzione principale delle schede audio. In caso contrario, rileggiti questo articolo.

In ogni caso farò una panoramica delle cose più importanti da considerare:

  • il tuo computer probabilmente ha già integrata una sua scheda audio, una porta out / headphones e un ingresso input. Alcuni computer desktop o laptop probabilmente non hanno un’ingresso audio. Questo perché non tutti i computer sono predisposti per un utilizzo audio professionale. Ecco che in questo caso si renderà necessario l’acquisto di una scheda audio esterna;
  • Nella maggior parte dei casi, una buona scheda audio contribuirà ad alleggerire il carico di lavoro della CPU del tuo computer, processando la sorgente sonora digitalmente.
  • La maggioranza delle interfacce audio hanno diversi input e output (ingressi e uscite) per collegare la tua strumentazione esterna, i tuoi monitor e/o cuffie e altro ancora.

Per semplificare, le schede audio, si occupano di convertire il segnale audio digitale in analogico e viceversa. Ossia, il segnale digitale non è altro che un insieme di informazioni che viene poi tramutato in forma sonora da un chip chiamato DAC (Digital-to-Analog Converter) o, nel caso contrario, ADC (Analog-to-Digital Converter).

Un protocollo di comunicazione come può essere USB o Firewire viene utilizzato per collegare l’interfaccia al computer, mentre dalla stessa si può collegare poi un paio di monitor o cuffie per permettere di sentire il risultato in termini di suono.

Più strumentazione esterna possiedi, e più ingressi ti serviranno.

schede audio

Quali sono le caratteristiche più importanti delle schede audio?

Connessioni

Le connessioni più utilizzate dalle schede audio sono USB, Firewire, Thunderbolt e PCIE. La USB considerata come la connessione più lenta e caratteristica delle schede audio entry level, anche se con la tecnologia USB 3.0 c’è stato un upgrade notevole.

Le più performanti però sono sicuramente le Firewire e ancora di più le Thunderbolt, se consideriamo le schede esterne, mentre le PCIE possono essere utilizzate sia per interfacce esterne entry level, che per quelle più professionali.

Input/Output (I/O)

Qui si indicano quanti ingressi ed uscite (input / output) sono presenti sulla scheda audio. Possono essere Mic Input (o connettore XLR) che consente l’ingresso di un microfono esterno, i Line input ( o TRS) per collegare strumentazione esterna (sintetizzatori, chitarre, etc.), Ingresso Ottico (ossia dotato di tecnologia a fibra ottica) anch’esso digitale che consente di trasferire più tracce contemporaneamente, S/PDIF per ulteriori collegamenti in formato digitale, MIDI, per collegare strumentazione esterna e controller che supportano il celebre formato digitale e tanti altri tipi di connessioni.

Forma

Le schede audio possono essere interne, esterne e immagino tu capisca già a cosa mi riferisco, ma anche desktop o rack. Le interfacce desktop si possono adagiare su una scrivania, collegare al computer e sono pronte all’uso. Le interfacce rack (solitamente migliori) offrono più ingressi diversificati e vanno preferibilmente montati su appositi supporti.


Qui di seguito una lista delle migliori schede audio divise per budget e tipologia.

Fascia Economica:

Focusrite Scarlett Solo

Scheda audio entry-level. Pochi input, ma affidabilità Focusrite e un pacchetto di software inclusi molto interessante. Per avvicinarsi alla produzione.


PreSonus Audiobox iTwo

Anche questa scheda è rivolta sopratutto ai principianti e a chi ha poche esigenze in termini di ingressi. Questa scheda audio è inoltre collegabile anche a dispositivi iOS come l’iPad. E’ incluso nel pacchetto il software DAW Studio One Artist, che ritengo molto buono. Per uno studio “mobile” e per entrare nel mondo PreSonus.


Steinberg UR22

Ottimo prodotto che ti assicura risultati assolutamente professionali e di alta qualità nonostante il prezzo. Nel pacchetto si segnala la presenza del software Cubase AI, una versione limitata di una delle DAW più importanti al mondo. Affidabilità a marchio Steinberg.

 

Fascia Media


Native Instruments Komplete 6

Nonostante sia in commercio da qualche anno, rimane una scheda audio non eccessivamente costosa ma dotata comunque di connessioni di ottima qualità (anche MIDI) e pacchetto di software di grande qualità come da standard di Native Instruments. Affidabilità teutonica.


Focusrite Saffire Pro 26

Sebbene la quantità di uscite non sia notevole, va sottolineata come in una seppur contenuta, in termini di dimensioni, scheda audio, siano presenti I/O di qualità come 4 preamp, 8 uscite, ADAT, S/PDIF e MIDI. Adatta per chi vuole fare un salto in avanti.


Apogee Duet 2

Compatibile solo con computer Apple Mac o tablets/smartphone iOS, questa rappresenta un miracolo di ingengeria. La qualità del convertitore AD e DA è strabiliante e le dimensioni contenute la rendono una fedele compagna per i professionisti che non vogliono rinunciare alla qualità e alla portabilità. Anche in studio però è un prodotto che si rivela assolutamente fenomenale. Qualità americana.


Universal Audio Apollo Twin

Il prezzo per una scheda audio con solo 2 input può sembrare irragionevole. Non è così se consideriamo che nel bundle è compresa una straordinaria qualità del convertitore, un DSP (Digital Signal Processor) che consente di alleggerire e di molto il carico di lavoro della CPU del vostro computer e, last but not least, l’accesso al mondo dei plugin Universal Audio, riconosciuti unanimemente come il top sul mercato. Il DSP Universal Audio più accessibile.


Fascia Alta

RME Fireface UCX

La casa tedesca RME è rinomata per la qualità dei loro prodotti. La linea Fireface è considerata come uno standard in diversi studi professionali e negli home studio dei più grandi producers contemporanei. Il pezzo forte di questa scheda audio sono la robustezza dei materiali, il numero di I/O e il sound cristallino del suo converter.


Apogee Quartet

Quello che ho detto per il Duet è valido anche per il Quartet. Al quadrato. Incredibilmente facile da usare ma che nasconde al suo interno dei miracoli di ingegneria.


Antelope Audio Goliath

Ci sono interfacce audio anche più costose, ma questa è da segnalare per il suo convertitore a 24 bit 192 kHz loss-less. 16 canali preamplificati e una qualità audio da audiofile.

Ci sono altre schede audio che ti senti di consigliare? Scrivilo nei commenti!